Archivio dei tag agevolazioni

Costo energia: trasformalo in opportunità!

Interrompibilità del Carico

Ovvero, come abbattere il costo energia e guadagnare senza sforzo 100.000€ all’anno…

Il Servizio di Interrompibilita’ del “carico” è fornito dalle utenze elettriche industriali come la tua. Il costo energia può diventare un’opportunità se a fronte di un corrispettivo annuo:

• Ti rendi disponibile ad interruzioni della fornitura,
• attuate con le modalità definite dal Gestore (TERNA S.p.a).

L’Interrompibilità del carico è uno strumento per assicurare la continuità del servizio elettrico. Ha trovato applicazione nel sistema elettrico nazionale sin dal 2001. E’ una risorsa sistemica di cui TERNA ha bisogno per assicurare:

• sicurezza,
• funzionamento,
• adeguatezza nella fornitura.

Per richiedere l’assegnazione del servizio nella tua sede devi avere:

• potenza interrompibile non inferiore a 1 MW;
consumo stabile, per garantire una quantità affidabile di carico quando si deve ridurre il consumo per riequilibrare la rete.

Attualmente (triennio 2018-2020) il servizio di interrompibilità ti assicura una remunerazione massima di circa 105.000 €/MW/anno. La remunerazione si applica all’energia che consumi all’interno della fascia di interrompibilità a te assegnata.

La contropartita è l’interruzione della produzione, ma:

• potresti essere fornito di sistemi di backup dell’energia
• potresti avere più linee di produzione, alcune non critiche
• …

Il sistema prevede l’utilizzo di azionamenti che consentono a TERNA di interrompere la tua fornitura per assicurare la stabilità della rete elettrica. Allo scopo, su specifiche TERNA, è stata sviluppata una Unità Periferica Distacco Carichi (UPDC) che richiede l’intervento di aziende specializzate e certificate per l’installazione dell’impianto.
La tua unità UPDC deve essere collegata al Banco Manovra Interrompibili (BMI) di Terna. E’ quindi richiesta anche la costruzione dei circuiti trasmissione dati che collegano UPDC e BMI, e questo richiede l’intervento di specialisti come noi.
Le specifiche TERNA richiedono circuiti di telecomunicazioni superaffidabili, con un livello di backup che assicuri l’interrompibilità anche in caso di guasto. Richiedono l’utilizzo di reti Frame Relay. Permettono l’ingresso in interrompibilità solo quando gli impianti di trasmissione dati sono collaudati e funzionanti.

Se vuoi approfondire il tema dell’interrompibilità chiamaci al numero verde 800-593-299, visitare la pagina contatti oppure compilare il form che segue.







Aumenti TIM? Evitabili!!!

Attenzione: il 1° gennaio 2019 scatta la manovra TIM sulla fonia fissa, con aumenti sulle tecnologie tradizionali che mette completamente fuori mercato le offerte in rame!

Dal 1° gennaio 2019 tutte le tue linee RTG e ISDN subiranno degli aumenti che verranno comunicati ai Clienti nel corso di questi mesi.

Gli aumenti di cui parliamo saranno i seguenti:

• Linea Valore+ +10€ al mese
• Linea Valore+ ISDN +10€ al mese
• Linea Valore+ ISDN GNR +10€ al mese
• Linea Valore+ ISDN GNR SP +10€ al mese
• Linea Voce+ +10€ al mese
• Linea Voce+ ISDN +10€ al mese
• Linea Telefonica Affari +10€ al mese
• Linea Telefonica Affari Entrante +10€ al mese
• Accesso Base Singolo Affari +10€ al mese
• Linea ISDN +10€ al mese
• Linea ISDN Dati Base (singolo e multiaccesso) +10€ al mese
• Linea Valore+ ISDN Primario +4€ al mese a canale
• Servizio Telefonico ISDN Primario +4€ al mese a canale

Considerato che i Primari possono avere da 15 a 30 canali, l’aumento delle ultime due righe può raggiungere i 120€ al mese! Inoltre alle linee che pagano il traffico a consumo (al momento a 15€cent al minuto), per le seguenti direttrici il costo passerà a:

• Traffico locale: 25€cent al minuto
• Chiamate interurbane: 25€cent al minuto
• Traffico nazionale verso cellulari: 25€cent al minuto
• Chiamate internazionali verso la zona 1: 25€cent al minuto

Non subiranno variazioni i servizi che pagano già 35€cent al minuto e non subirà variazioni l’importo dello scatto alla risposta, per tutti 35€cent.

Se non utilizzi ancora i nuovi servizi di fonia integrata ai dati, è questo il momento giusto per aggiornare le tecnologie in azienda! Infatti tutti i servizi di fonia di nuova generazione non sono soggetti ad aumento ed abbassano i tuoi costi di gestione!!!

Abbiamo già aiutato centinaia di Clienti a riconfigurare i propri servizi in sistemi di comunicazione integrata. Questi servizi, oltre ad apportare numerosi vantaggi strettamente economici, dotano l’azienda di una vera marcia in più grazie ai servizi di Centralino evoluti, ai sistemi di collaborazione interna, all’integrazione dei variegati apparati utilizzati per comunicare (telefono fisso, computer, smartphone) ed a tutte le funzioni innovative che saremo lieti di illustrarti in dettaglio.

Quindi chiamaci per riorganizzare la tua architettura di fonia e troveremo la soluzione migliore!

Puoi contattarci al numero verde 800-593-299, visitare la pagina contatti oppure compilare il form che segue.







Cablaggio gratis – TIM Comunicazione Integrata

Cambiare sede richiede sempre un grosso investimento di tempo e risorse economiche.

Ma i nuovi locali sono solo una parte dell’impegno. Per adeguare i locali alle esigenze della tua impresa sono richiesti altri cospicui investimenti.

Oltre che per il cablaggio dovrai dedicare tempo e risorse a:

  • Gestire subentri, cancellazioni, pubblicazioni in elenco
  • Rifare i collegamenti ad Internet,
  • Traslocare le linee telefoniche,
  • Rifare gli allacci alla rete elettrica,
  • Occuparsi degli allacci alla rete gas,
  • etc.

Sono tutte attività nelle sulle quali, trasloco dopo trasloco,  abbiamo accumulato una grande esperienza e possiamo darti una mano. Ma soprattutto possiamo darti una mano nel cablaggio della tua nuova sede. La rete locale resterà la stessa per un lungo arco di tempo, durante il quale il mercato vedrà l’avvicendamento di diverse generazioni di hardware e software. Dovrà coprire le esigenze imposte dalle applicazioni che attualmente utilizzi. Ma dovrà essere in grado di erogare tutta la potenza trasmissiva richiesta anche dalle future applicazioni della tua impresa.  Occorre quindi che sia realizzata nel rispetto dei più recenti standard del cablaggio strutturato e delle vigenti normative. La topologia di un cablaggio strutturato è stellare, centrata nel locale dove sono centralizzati i servizi di connettività ad Internet.

TIM offre un servizio integrato fonia/dati che prevede il cablaggio dell’immobile, gratuito e allineato agli ultimi standard tecnologici. Per cablaggi che rispettino certi vincoli ambientali, vengono realizzati fino a 40 Punti Lan Standard gratuiti, compresa la fornitura dei cavi UTP cat. 5E/6:

  • Per Punto Lan Standard si intende la realizzazione di una postazione di lavoro con posa cavo, posa connettori RJ45, posa placca, attestazione e certifica cavi.
  • Per vincoli ambientali si intende ufficio anche multipiano, con distanza massima armadio – presa di 60 mt. da un unico armadio, con posa di canalizzazioni in PVC.

Mediante quest’offerta potrai realizzare un solo pto LAN (singolo o doppio) o centinaia, nuove reti o ampliamento impianti già attivi. Il servizio include anche la fornitura dell’armadio che ospita gli switch centro stella, tutti in tecnologia POE (Power Over Ethernet). In tal modo si evita la necessità di realizzare anche dei punti di alimentazione elettrica degli apparati. I punti lan gratuiti sono:

  • Fascia Offerta Small/Medium: sono inclusi gratuitamente le prime 18 Porte Lan Standard + armadio
  • Fascia Offerta Large: sono inclusi gratuitamente le prime 40 Porte Lan Standard + armadio

Se hai bisogno di  un numero di Punti Lan superiore, potrai acquistarli pagandoli rateizzati in tre anni sulla bolletta telefonica, come per gli apparati ed eventuali altri lavori necessari.

Gli armadi Rack disponibili, allestiti con porta di vetro, pannello di fondo e ripiani, blocco di alimentazione, prese  schuko con interrutore magnetotermico e Kit di messa a terra, possono misurare:

  • 15U – 600(L) x 600(D) x 787(H)
  • 9U -600(L) x 400(D) x 482(H)
  • 24U 600(L) x 800(D) x 1200(H)

Possiamo mettere a tua disposizione i tecnici TIM per effettuare sopralluoghi tecnici e fornirti consulenze del tutto gratuite per aiutarti ad identificare i lavori ed i servizi necessari per rendere  la tua nuova sede completamente operativa.

Per ulteriori informazioni puoi contattarci al numero verde 800-593-299, visitare la pagina contatti oppure compilare il form che segue.







Fattura Elettronica 2019: obblighi e sanzioni

Fatturazione Elettronica 2019: arriva in Italia la Direttiva Europea

Dal I gennaio 2019 scatta anche per le aziende private residenti in Italia l’obbligo di fattura elettronica.

La fattura emessa o ricevuta quindi deve rispettare la direttiva 2014/2015/UE. La fattura elettronica deve cioè assicurare:

  • autenticità dell’origine
  • integrità del contenuto
  • leggibilità dall’emissione alla scadenza del periodo di conservazione

L’eventuale emissione di fattura cartacea è inconsistente e anzi dimostra l’omissione. È prevista una sanzione amministrativa compresa tra il 90% ed il 180% dell’imposta relativa al documento non correttamente emesso o registrato.

Per adempiere a quanto richiesto dalla normativa occorre seguire i processi nell’emissione fattura (ciclo attivo) e nella sua ricezione (ciclo passivo).

Emissione fattura elettronica (ciclo attivo):

  • creazione file XML della fattura
  • apposizione firma digitale
  • invio tramite sistema di interscambio a
    • destinatario partita IVA (codice univoco)
    • destinatario privato (PEC)
  • conservazione a norma

Ricezione fattura elettronica (ciclo passivo)

  • ricezione tramite sistema di interscambio (codice univoco o PEC)
  • conservazione a norma

poi eventualmente la fattura dovrà essere registrata nel gestionale o consegnata al commercialista, con le modalità già precedentemente in uso.

I cicli descritti sono articolati e richiedono un certo impegno operativo. Se emetti qualche fattura al mese sai di dover portare in conto questo tempo aggiuntivo per produzione, firma ed invio al tuo Cliente. I regimi dei minimi al momento sono esentati, ma anch’essi come tutti riceveranno le fatture in formato elettronico e dovranno conservarle a norma. Ed è possibile fare poche fatture, ma riceverne un certo numero è metabolico per un’impresa. Se le fatture sono tante invece è praticamente impossibile seguire la procedura a mano, e dovrai rivolgerti al tuo fornitore dell’applicazione di fatturazione per poter gestire automaticamente i processi.

TIM rende disponibile il servizio di fatturazione elettronica di TRUST Technologies, integrato alla PEC ed alla firma elettronica. Tale servizio è pure integrato nella maggior parte dei servizi applicativi che prevedono la fatturazione distribuiti da TIM.

Ad esempio mediante il gestionale MyProgest la fatturazione avviene in due passaggi:

  • emissione della fattura in formato XML direttamente dal gestionale (con evasione da ddt e scarico magazzino)
  • invio al servizio di TRUST Technologies, che provvede a:
    • firmare digitalmente le fatture
    • inviarle col sistema di interscambio
    • conservarle a norma con allegata la ricevuta

come pure la ricezione:

  • visualizzazione delle fatture mediante pannello interno al gestionale (o dal portale fornitori di Trust Technologies)
  • registrazione automatica delle fatture nel gestionale, con invio al commercialista

Scegli la soluzione più adatta alla tua impresa: è quella che ti fa risparmiare tempo e denaro, e ti fa evitare errori.

Se hai bisogno di altre informazioni relative alla fatturazione elettronica tra privati, a Trust Technologies, a My Progest o agli altri servizi gestionali di TIM puoi contattarci al numero verde 800-593-299, visitare la pagina contatti oppure compilare il form che segue.







Incentivi se rispetti l’ambiente e risparmi energia

La riduzione dei consumi è il maggiore problema di un grande consumatore di energia. Ma anche se la tua azienda non ha degli impianti di produzione da alimentare, avrà sicuramente degli impianti d’illuminazione da rendere efficienti.

Il termine relamping indica la sostituzione di lampade che utilizzano per la produzione di luce processi inefficienti, causa di sprechi di energia nei tuoi uffici. Di seguito gli incentivi a cambiare questo stato delle cose!!!

Le lampade al neon, a vapori di mercurio ed a incandescenza utilizzano processi a basso rendimento. Vanno quindi sostituite con lampade di pari flusso luminoso in tecnologia LED. Per le aziende come la tua è una possibilità per ottenere elevati risparmi ed incentivi senza investimenti importanti. Ti aiutano a cogliere l’opportunità Nextall e CURA, tramite la Esco Solution. Hanno costruito un servizio dedicato al relamping ed alle altre tecnologie ed architetture che fanno efficienza energetica in azienda. Inoltre ti guideranno alle agevolazioni ed incentivi del settore.

Il LED è un componente elettronico che emette una luce bianca priva di infrarossi e ultravioletti. Vengono accesi al passaggio di una bassissima corrente. Attualmente i LED hanno un’efficienza luminosa che arriva a 140 lm/W (lumen/watt), rispetto ai 13 lm/W delle lampade ad incandescenza, ai 16 lm/W delle lampade alogene ed a i 50 lm/W delle lampade fluorescenti.

L’uso dei LED in luogo di queste tecnologie ti consentirà pertanto di risparmiare fino al 60% dell’energia elettrica dedicata all’illuminazione. Contemporaneamente migliora l’illuminamento medio mantenuto nelle diverse aree di lavoro. Inoltre il minor consumo di energia riduce i valori di CO2 immessi nell’atmosfera contribuendo fortemente al rispetto per l’ambiente ed ai relativi incentivi. In aggiunta la tecnologia LED ha maggiore durata (fino a 4 o 5 volte maggiore rispetto alle altre tecnologie) e grande facilità di gestione e manutenzione. Per questi motivi il tuo sarà un investimento fortemente ecologico.

L’intervento è di facile realizzazione e non comporta modifiche. E’ per questo che l’impianto elettrico già funzionante mantiene la conformità e la rispondenza ai requisiti tecnici e legislativi e garantisce incentivi e guadagni sia in termini di risparmio energetico che di costi di manutenzione.

Il relamping led di sistemi di illuminazione viene inoltre valorizzato dal meccanismo dagli incentivi dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) o Certificati Bianchi (CB) per un periodo di 5 anni. Questi meccanismi rappresentano un vero e proprio contributo economico al quale avrai accesso attraverso la ESCo.

Di seguito un esempio di relamping su un edificio industriale:

Incentivi Relamping imprese

La modalità dell’investimento può essere personalizzata e collegata alle esigenze contingenti della tua azienda. Puoi comprare il materiale, averlo in comodato d’uso o in qualunque altro modo, ma dovrai solo decidere quanto desideri risparmiare sulla spesa energetica e quanto vuoi invece dedicare a pagare i materiali. A pagamento completato naturalmente potrai godere di tutta l’economia realizzata.

Considera che far funzionare l’impianto di illuminazione col 33% della dell’energia necessaria in precedenza riduce il consumo del 66%. Questa riduzione si applica all’intera bolletta energetica, non solo alla parte fornitura come avverrebbe se tu riuscissi a pagare l’energia elettrica il 66% in meno.

Per ogni approfondimento puoi contattarci al numero verde 800-593-299, visitare la pagina contatti oppure compilare il form che segue.







Sconto Associati CONFIMI Industria

Nuova Convenzione per gli Associati Confimi

La convenzione NEXTall  riserva alle imprese associate a Confimi Industria condizioni di miglior favore ed assistenza per l’accesso ai servizi di telecomunicazioni TIM, di energizzazione di CURA Gas & Power e per l’applicazione di tutte le agevolazioni disponibili per i settori energia e TLC a cui aggiunge lo Sconto Associati Confimi Industria.

CONFIMI INDUSTRIA rappresenta in Italia e nel mondo le esigenze reali del settore manifatturiero con l’obiettivo di rispondere concretamente ai bisogni dei propri associati. E’ interlocutore riconosciuto dalla politica a livello governativo e parlamentare e, per costruire opportunità concrete per la costellazione delle PMI rappresentate, siede ai principali tavoli ministeriali quali Sviluppo Economico, Politiche Agricole, Economia e Finanze, Lavoro, Infrastrutture e Trasporti ed al tavolo operativo delle PMI del MISE. E’ interlocutore concreto di Abi (Associazione Bancaria Italiana), dell’Agenzia delle Entrate e dell’Agenzia delle Dogane. Nell’ottica inoltre di rafforzare il carattere d’internazionalizzazione delle PMI che rappresenta, ha siglato protocolli con le organizzazioni componenti della Cabina di Regia dell’internazionalizzazione governativa, quali SACE, ICE, SIMEST. Di seguito l’introduzione allo sconto associati Confimi Industria.

NEXTall ti riserva un particolare sconto se sei un’impresa associata a Confimi Industria che intende rivedere la propria architettura di telecomunicazioni migrando a TIM o arricchendola di nuovi servizi TIM o che, identificando nell’energia la voce di costo sulla quale intervenire per aumentare margini e competitività, intende esplorare tutte le possibilità disponibili, quali tariffe più economiche ed interventi per aumentare l’efficienza energetica in azienda:

  • Relamping
  • Fotovoltaico
  • Cogenerazione
  • Iperammortamento
  • Interrompibilità
  • Tagli sulle accise
  • Certificati bianchi
  • ………

Per te la nostra assistenza ed il nostro affiancamento si estrinsecano in:

  • Progettuale
  • Commerciale
  • Realizzazione
  • Gestione personalizzata dei servizi attivati

e si concretizzano nel cogliere tutte le opportunità disponibili per praticarti le migliori condizioni possibili, per ridurre e mantenere il rapporto costi/prestazioni dei servizi della tua impresa al livello più basso possibile.

Inoltre NEXTall ti metterà a disposizione tutti gli strumenti ed i canali a cui ha accesso per preventivare e risolvere problemi di copertura, di rete di accesso pubblica e di cablaggio  interno alle tue sedi ed in generale di assistenza tecnica da parte del fornitore, riservandoti una corsia preferenziale per accedere alle risorse di cui hai bisogno  per attivare e gestire i servizi TIM.

Per l’energia, che spesso è di gran lunga la maggiore voce di costo, Nextall produrrà diagnosi energetiche, ti indicherà le opportunità di riduzione dei consumi e ti aiuterà a cogliere questa opportunità a costo zero, potenziando l’efficienza energetica in azienda ed aprendo l’accesso alle agevolazioni ed incentivi pubblici del settore.

Un minor consumo di energia riduce i valori di CO2 immessi nell’atmosfera ed è quindi una scelta fortemente ecologica oltre che di minor costo e quindi di maggior competitività. Ridurre i consumi, per le imprese che superano i livelli di soglia indicati dall’Autorità, è un obbligo di legge che va certificato, e pertanto è necessario fissare il livello di consumi di partenza cominciando con una diagnosi energetica.

Ma a tuo ulteriore vantaggio di associato, NEXTall aggiunge a tutte le opportunità di mercato ed agevolazioni esistenti una ulteriore promozione, che ti premia con uno Sconto Associati Confimi sull’importo mensile della fornitura o col totale rimborso del canone mensile contrattualizzato.

Il premio matura alle seguenti condizioni:

  • sei un’impresa associata CONFIMI
  • la tua richiesta è stata raccolta e gestita da NEXTall, che ha curato l’ordine
  • la tua richiesta non ha sostituito altro servizio cessato nei tre mesi dall’attivazione
  • il servizio è stato pagato regolarmente per un anno
  • il rapporto di fornitura è ancora in essere

A tali condizioni, a fronte dell’esibizione della prima fattura TIM del secondo anno, sarà NEXTall in prima persona a rimborsarti il canone mensile del contratto, saldando la tua fattura per “Condizione di maggior favore Nextall”.

Per la fornitura di energia invece, per la quale è previsto l’addebito in conto, il rimborso sarà pari ad 1€ a MWh per l’energia elettrica e 0,3 €cent a Smc, accreditato direttamente dal fornitore sulla prima fattura del secondo anno, sotto la voce “sconto NEXTall”. A titolo esemplificativo, se la tariffa applicata fosse di 50€ a MWh, il premio sarebbe di 1€ ogni 50, in pratica il 2% dell’importo di fornitura. Pertanto lo Sconto Associati Confimi accreditato sarà mediamente il 24% della quota fornitura del mese di riconoscimento.

Aggiornamenti successivi del presente accordo saranno comunicati e diverranno operativi mediante pubblicazione della notizia sul sito www.nextall.it.

Per ogni approfondimento puoi contattarci al numero verde 800-593-299, visitare la pagina contatti oppure compilare il form che segue.







Risparmio Energetico 2018: detrazioni ed opportunità per le Imprese!

Risparmiare energia vale il doppio: per te e per il pianeta!

Entro il 15 maggio 2018  si apre il portale che consente alle imprese energivore di inserire le domande di competenza dell’anno in corso per l’accesso alle nuove opportunità. Ma anche le imprese che consumano meno e molto meno di 1.000.000 KWh/anno devono essere attente al risparmio energetico.

La riduzione dei consumi non solo permette di contribuire ad un ambiente migliore, ma anche di ridurre notevolmente i costi di gestione, rendendo quindi l’impresa più competitiva. Se di notte sebbene siate chiusi consumate e spendete quanto di giorno, non è detto che il vicino Vi stia derubando! E’ molto più probabile che sia un problema di risparmio energetico. Che l’illuminazione del piazzale, l’insegna, la ricarica delle batterie dei muletti consumino molta più energia di quanta avreste mai immaginato. Monitorare, analizzare i dati e trovare una soluzione per minimizzare i consumi, realizza un sogno, il sogno di lucrare una rendita senza impegnare le risorse finanziarie che devono essere dedicate al core business. Solo in certi settori come quello alberghiero la domotica è di casa.

Ma la scaletta degli interventi prevede anche iniziative più semplici ed intuitive relative al risparmio energetico, come:

  • Aumentare l’efficienza energetica dell’immobile. Potremmo indicarvi una serie di interventi per aumentare il risparmio energetico del vostro immobile. A partire dall’isolamento delle pareti (cappotto) e delle imposte. Quello che spendete  viene ricuperato subito perché un immobile di classe  superiore vale di più sul mercato, sia nella vendita sia nell’affitto.
  • Verificare e migliorare la classe degli impianti. I corpi illuminanti, il frigorifero, gli apparati di condizionamento e gli altri elettrodomestici installati, aggiornati alla classe A++ possono ridurre anche al 30% il costo di esercizio. Il risparmio energetico nel tempo si cumula periodo su periodo!
  • Installare pannelli solari o apparati cogeneratori. Anche se il Vostro consumo non raggiunge il milione di KWh/anno, che qualifica per l’applicazione delle agevolazioni fiscali, qualche centinaia di KWh/anno rappresentano sempre dei consumi notevoli e delle economie proporzionate e ragguardevoli. Alcune si propongono anche come soluzioni di backup in caso di blackout, perché consistono in impianti compatti di cogenerazione, che alimentati a metano producono acqua calda per riscaldamento e sanitari ed energia elettrica ad alto rendimento.

Sono tutte soluzioni che si possono far finanziare dal fornitore in bolletta, per cui non occorre fare un investimento. Ma si può decidere preventivamente la parte del risparmio che si vuole incassare e quella che si vuole dedicare al pagamento degli impianti!

Naturalmente bisogna conoscere bene la Vostra realtà per capire quali sono le misure valide, e quindi è sempre opportuna una diagnosi energetica, che spesso consiste in poco più di uno scambio d’idee col Vostro impiantista, che consenta di definire meglio gli obiettivi di risparmio realistici.

Per assistenza progettuale, valutazioni e finanziamenti chiama il NV 800593299, visita la pagina contatti, o compila il seguente form.







 

Agevolazioni imprese energivore 2018: obblighi ed opportunità

Nuove opportunità per le imprese energivore:  entro il 15 maggio 2018  si apre il portale per le domande di competenza dell’anno in corso.

Obblighi:

obbligo diagnosi energetica per l’impresa ogni 4 anni articolo 8 del decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102:  Le imprese obbligate ad eseguire la diagnosi energetica periodica sono:

  • Grandi imprese:                 Più di 250 dipendenti, o un fatturato superiore a 50 milioni di euro e un totale bilancio annuale sopra i 43 milioni di euro;
  • Imprese energivore:         Piccole e Medie Imprese che hanno un forte consumo di energia.

La multa per omessa diagnosi energetica va da 4.000 a 40.000 euro dimezzata, per cui da 2.000 a 20 mila euro se la diagnosi non è conforme alle prescrizioni del Decreto. Dal 1° gennaio 2018 sono annoverabili tra gli energivori tutte le imprese che hanno un consumo medio di energia elettrica compreso tra 1 e 2,4 GWh/anno e che rientrano in uno dei seguenti parametri:

  • imprese che operano nei settori dell’ Allegato 3 delle Linee Guida della CE in materia di aiuti di stato sulla base del codice Ateco (vedi allegato).
  • imprese che operano nei settori dell’ Allegato 5 delle Linee guida della CE in materia di aiuti di stato, caratterizzate da un indice di intensità elettrica sul VAL non inferiore al 20% (vedi allegato);
  • imprese che non rientrano fra quelle di cui ai precedenti punti, ma sono presenti negli elenchi delle imprese a forte consumo di energia redatti dal CSEA per gli anni 2013 o 2014.

Agevolazioni:

Per le imprese che realizzano tagli nei consumi in seguito alle indicazioni della diagnosi energetica, scaturiscono dalla entità del risparmio realizzato agevolazioni e vantaggi, quali defiscalizzazione delle accise, certificati bianchi, iperammortamento, che rappresentano un ulteriore flusso finanziario per le aziende energivore, che si va ad aggiungere a quello intrinseco nell’economia realizzata.

 

Novità 2018: meno costi per l’energia elettrica per energivori decreto del Mise (Ministero dello Sviluppo Economico) emanato il 21 Dicembre 2017

 Dal 1° gennaio 2018 ridotta la spesa dell’energia elettrica per oltre 3000 imprese con l’adeguamento alla  normativa europea. Benefici totali per un miliardo e 700 milioni di euro a favore delle piccole e medie imprese italiane! Per riconoscerli a partire da luglio 2018 i distributori cominceranno a fatturare secondo il nuovo schema tariffario previsto dalla del. 923/17, che prevede il raggruppamento degli oneri in due macrovoci, Asos e Arim, con la componente Asos (componente tariffaria a copertura degli oneri generali relativi al sostegno delle energie rinnovabili e alla cogenerazione), differenziata in funzione della classe di agevolazione in cui rientra l’impresa. Possono accedere all’agevolazione:

  • Le imprese che hanno un costo dell’energia pari almeno al 20% dello stesso VAL (valore aggiunto lordo), che dunque potranno ridurre il proprio contributo alle rinnovabili fino a un valore minimo dello 0,5% del VAL
  • Tutte le altre imprese dove il mantenimento di classi di agevolazione è basato sul rapporto fra il costo dell’energia elettrica e il fatturato, con percentuali riviste per tener conto degli obiettivi di sostegno alla crescita.

Il VAL è il valore aggiunto lordo al costo dei fattori, ossia il valore aggiunto ai prezzi di mercato meno eventuali imposte indirette, più even­tuali sussidi e può essere calcolato sulla base del fatturato, sottratti gli acquisti di beni e servizi, mentre il costo dell’energia elettrica viene calcolato come il fabbisogno elettrico totale, comprensivo dell’energia elettrica acquistata ed eventualmente auto-prodotta (per la definizione di VAL si veda l’allegato IV alla comunicazione della UE 200/01). Verrà in tal modo ridotto il prelievo dalla bolletta elettrica dell’impresa degli oneri connessi al sostegno delle rinnovabili, rendendo questo costo esclusivamente funzione del risultato aziendale. Inoltre la proposta consente di migliorare il sostegno ad alcuni settori particolarmente esposti alla concorrenza internazionale, anche se hanno una bassa intensità elettrica su fatturato.

 

Per tutta l’assistenza necessaria puoi contattarci al numero verde 800593299 oppure scriverci ad info@nextall.it

 

Servizi per alberghi: la vacanza perfetta per i tuoi ospiti!

Tutte le opportunità dei servizi per alberghi offerti da TIM!

TIM propone molteplici soluzioni e servizi per alberghi che vogliono sempre essere al passo con i tempi. I servizi di ospitalità  offerti da operatori turistici quali:

  • alberghi,
  • residence,
  • B&B,
  • villaggi turistici,
  • case vacanza,

sommati a servizi complementari quali:

  • ristorazione,
  • escursioni,
  • offerte culturali,
  • eventi,

rappresentano una significativa percentuale del PIL nazionale, ed hanno ancora un grosso potenziale di ulteriore sviluppo. È quindi naturale che l’offerta di servizi ICT per il settore sia ampia e copra sia aree tradizionali, come i servizi di fonia e le applicazioni gestionali, che le aree consolidate in tempi più recenti, come i servizi Wi-Fi, e quelle emergenti come le courtesy APP. Di seguito alcuni esempi di servizi per alberghi, suddivisi per categoria.

Centralino con software alberghiero

Le centrali telefoniche, tradizionali o IP che siano, in questo settore storicamente forniscono funzionalità specifiche quali:

  • apertura e chiusura camera
  • servizio sveglia
  • rendicontazione del traffico

La nascita e lo sviluppo della telefonia mobile ha reso queste funzioni sempre meno importanti. Utilizzando il proprio smartphone in connessione alla rete WIFI della struttura alberghiera si telefona, si inviano foto e filmati ad amici e parenti in tutto il mondo ed in modo del tutto gratuito! Intanto che l’interesse del cliente nei confronti della linea telefonica dell’albergo scemava, cresceva quindi quello nei confronti della disponibilità di una potente connessione ad Internet e questo ha spinto gli operatori verso altri servizi per alberghi come il WI-FI.

 

Wi-Fi (Wireless Fidelity)

Il Wi-Fi è un sistema di collegamento senza fili, capace di mettere in rete apparati forniti di sistemi di connessione radio compatibili come portatili, tablet e smartphone. Può sostituire totalmente il cablaggio fisico della struttura, vantaggiosamente nei casi in cui si sopportano male attività troppo invasive, oppure solo affiancarlo limitandosi a creare bolle WI-FI in zone strategiche quali:

  • reception,
  • piscina,
  • ristorante,

L’accesso fornito può essere

  • libero,
  • a pagamento
  • su consenso.

In quest’ultimo caso non si tratta più di una struttura solo fisica, ma di un’APP capace di fornire strumenti di gestione, come TIM WI-FI POWER o WiMAN SOCIAL WI-FI distribuite tra i servizi per alberghi di TIM.

In sostanza, per essere autorizzati alla navigazione, bisogna compilare una scheda d’iscrizione fornendo i propri riferimenti ed il consenso all’utilizzo dei dati. Dati che saranno utilizzati dalla struttura alberghiera sia per fornire un servizio migliore durante la vacanza, sia per informare successivamente l’utilizzatore di nuove offerte e proposte, mettendo in atto delle campagne sul portafoglio che in questo modo si sarà acquisito.

 

 

Courtesy APP

Rientrano in questa categoria le applicazioni con funzionalità che dal punto di vista del cliente sono:

  • cercapersone
  • cercaservizi

e invece per la struttura ospitante sono:

  • di coordinamento personale
  • di organizzazione interna

In pratica una versione digitale, una trasposizione dell’offerta dell’albergo, viene scaricata sullo smartphone del cliente e gli consente di:

  • ordinare il gelato in spiaggia, comodamente dall’ombrellone,
  • farsi venire a prendere in barca per una gita,
  • ordinare il pranzo in camera,
  • farsi noleggiare un’auto,
  • prenotare la cena,

e in generale chiedere aiuto alla reception in qualunque circostanza, perché ci si è persi o non si capisce cosa dice il commesso del negozio. Appartiene a questa categoria PINAPP, distribuita da TIM con la propria assistenza commerciale.

 

Sale videocomunicazione e videoconferenza

Per eventi e meeting aziendali, ma anche a carattere familiare, queste strutture che consentono di allargare la partecipazione a chiunque nel mondo abbia disponibile un accesso ad Internet, vengono scelte in base al numero dei partecipanti, ma anche per la banda Internet che la struttura può rendere disponibile. Ma anche la completezza di un’offerta che preveda la possibilità di registrare l’evento e pubblicarlo, rendendone fruibile i contenuti al pubblico autorizzato in differita (ad esempio a causa di un diverso fuso orario), esercita una forte influenza sui potenziali utenti. Anche in questo caso quindi non basta la struttura, ma occorre una piattaforma che preveda l’erogazione di questi servizi per alberghi che gli aggiungono valore.

 

Videosorveglianza

Una vacanza sicura, senza disavventure e incidenti di percorso è quello che ognuno si augura alla partenza, per poi cominciare a raccontare dicendo che è andato tutto bene. Purtroppo in una struttura turistica i luoghi esposti a furti e rapine come garage, spiagge e piscine sono tanti. Un adeguato servizio di videosorveglianza consente di scoraggiare le iniziative criminose e di aumentare la soddisfazione del cliente nei confronti di un fornitore che gli ha consentito vacanze felici e tranquille. TIM tra i servizi per alberghi offerti ha varie APP di questa categoria, come OPENEYE, SYSBBLite o Sorveglia.

 

Il Marketing digitale

Non basta avere tutto quello che serve per una vacanza ideale, bisogna anche farlo sapere! Così ogni struttura si è organizzata con un proprio sito ed utilizza i servizi di una o più piattaforme, ma si sta cominciando a fare di più: si comincia ad offrire la possibilità di entrare nella struttura con un proprio avatar e girarla, entrare nelle stanze, guardare il panorama, scendere in piscina ed in spiaggia. Come la VirtualTour Tourmake, nel catalogo dei servizi per alberghi TIM.

 

Risparmio energetico

Gli alberghi sono imprese energivore ed i costi relativi a elettricità e gas, illuminazione e riscaldamento, sono tra i maggiori componenti del loro costo di gestione.

Sono quindi storicamente attenti ad installare reti di sensori per monitorare, gestire e minimizzare i consumi elettrici ed idrici, ottimizzare le risorse, prevenire gli sprechi. In ognuna di queste strutture pertanto un grado più o meno spinto di domotica è di casa. Le strutture maggiori, che dispongono di grandi spazi utili, possono usufruire anche dell’utilizzo dei pannelli fotovoltaici o di apparati cogeneratori, che consentono di autoprodurre l’energia necessaria non solo elettrica, ma anche sotto forma di riscaldamento o raffreddamento. Si pensi a strutture fornite di piscine e/o di SPA. Questi impianti sono tutti finanziati dalle economie realizzate e senza nessun impegno finanziario che gravi sul flusso di cassa della struttura. In altri termini il fornitore finanzia l’impianto e trattiene in pagamento solo una parte dell’economia realizzata. Inoltre impianti di questo tipo godono di una serie di agevolazioni quali gli sgravi delle accise.

 

Per ognuno di questi servizi possiamo fornire assistenza progettuale e realizzativa: per maggiori informazioni chiamate il NV 800593299